remember-me-cover
ss_629089811cd446eb14ef99914fed460175963cad.1920x1080ss_412fed262034c7ced491f726f50b15045eecd37e.1920x1080ss_bbb16a2b7ed169f4a0426b80f78e06e9bf74a605.1920x1080ss_ddf2ccdf5034dbc177f18ef16813f4512117230a.1920x1080ss_2f47d6984c864ebd14c08617a08566d61c14d5e0.1920x1080ss_3187d26f64764e2c24dd426e7cef36545b66326f.1920x1080

Remember Me

4.99 €

In Magazzino – 9 disponibili

Nuovo Utente? Registrati

Steam

L’aspetto narrativo di Remember Me è probabilmente uno dei (tre/quattro) più interessanti e meglio riusciti nel panorama videoludico di quest’ultimo anno. Siamo nel 2084, a Neo-Parigi. Il Mondo è completamente cambiato da quanto la Memorize ha perfezionato il Sensen, un dispositivo neurale che permette la cancellazione dei ricordi più dolorosi e la condivisione dei più dolci e felici. L’utopia di un solo uomo, tuttavia, si è presto trasformata in un incubo per la sua famiglia e per gli abitanti di Neo-Parigi: l’abuso della manipolazione neurale ha creato una tremenda dipendenza. E mentre i ricchi possono permettersi le cure necessarie, ai meno abbienti toccano i bassifondi, dove i reietti -ora ladri e assassini- sono lasciati a marcire in un moderno Lazzaretto, soffrendo le mutazioni somatiche che la completa perdita di contatto con la realtà ha causato.

Per tenerli a freno, la Memorize (salita al potere tra le più imponenti corporazioni al Mondo) ha indetto un rigido regime militare, internando i soggetti più pericolosi e praticando loro il raschiamento della memoria come pena detentiva. Un processo di ricondizionamento nel quale i Leaper (i nuovi tossici) vengono trasformati in abominevoli cani da guardia – essere senza più un’anima da controllare a piacimento.
In opposizione a tutto ciò che il Sistema rappresenta, come spesso accade in situazioni del genere, è nato un movimento sovversivo conosciuto come Erroristi, del quale anche la nostra bella eroina fa parte. Nilin, l’unica in grado di sottrarre e addirittura manipolare i ricordi, si trova tuttavia prigioniera all’interno della Bastiglia (ironicamente trasformata in carcere di massima sicurezza), dove i suoi ricordi vengono cancellati. Poco prima del raschiamento definitivo verrà fortunatamente contattata da Edge, carismatico leader degli Erroristi che l’aiuterà a fuggire. Da tale istante in poi avrà inizio l’avventura vera e propria, che vedrà Nilin impegnarsi su due fronti: da una parte attaccando obiettivi sensibili (strutture o persone) in maniera da far cadere la Memorize; dall’altra intenta al recupero delle sue stesse memorie.
Si dipanerà da questo punto in poi una vicenda lineare ma molto coinvolgente, estremamente semplice pur nella complessità dei suoi temi. E, in ultimo, non priva di una certa punta di mistero: chi è Edge? Perché Nilin è l’unica ad avere queste capacità? Tutte risposte che otterremo pian piano durante una progressione narrativa che ha il pregio, su tutti, di non inciampare mai nel non detto, portando alla luce gli eventi sempre con molta chiarezza.