Immagine 013

Dying Light Enhanced Edition

16.99 €

In Magazzino – 30 disponibili

Nuovo Utente? Registrati
Ti interessa provare il gioco prima di acquistarlo? » Info
ss_be790d86d8145e45832dda4d0214b41cf6e084ac.1920x1080ss_a3771358b8eb4ea4c8f99c5850711f55b87804de.1920x1080ss_e8330b6af5a29f130a7eded83f6987a7f42ea437.1920x1080ss_bea3bd393a6d58d13d5691225ac21c3a615bd5c5.1920x1080ss_fdd6519c3120c71eb7e339665921644e2b6bf5b5.1920x1080ss_01eb9dac764ce9aab490cc56021da32557f5257d.1920x1080ss_488226f013287012e0feaed2fb7799dbe038fd00.1920x1080ss_8f42cb3133713e7d4013fa43a2391040f69a44fd.1920x1080ss_4e8f067de55c7276825459ad43ee9ef58fe50ea6.1920x1080

Steam

 

 

Un’immaginaria città turca (Harran) distrutta e devastata dal solito virus in stile Umbrella Corporation, migliaia di zombi che hanno invaso le strade, case ed edifici abbandonati, pochi superstiti e qualche sparuta zona protetta che ha resistito all’invasione dei morti viventi. E’ questo lo sfondo di Dying Light, nuova fatica di Techland che dopo l’ottimo Dead Island e il più interlocutorio Dead Island: Riptide torna alla formula del survival in prima persona. In effetti molti degli elementi visti nei due giochi appena citati tornano anche in Dying Light. La struttura da mondo aperto (non immenso ma nemmeno ristretto), le quest primarie e secondarie, le tante attività collaterali, la grande importanza data al crafting, le armi distruttibili e la progressione del protagonista del gioco in senso ruolistico. Se avete già giocato a Dead Island, vi troverete perfettamente a vostro agio in mezzo a questi vicoli lordi di sangue e corpi in decomposizione e a una città labirintica come poche. Un cambio di location che non piacerà a tutti visto anche l’atmosfera solare e caraibica di Dead Island, ma Harran riserva comunque una discreta varietà di ambientazioni tra colline, specchi d’acqua in cui nuotare e immergersi, gallerie, soprelevate, un lungo tratto ferroviario e alcuni edifici esplorabili di medie dimensioni (il grattacielo iniziale, la scuola, altri palazzi ecc.)